Vediamo quali sono gli svantaggi e gli aspetti che bisogna considerare per ottenere un’installazione corretta e professionale

dell’impianto. Se l’antifurto non è installato da un professionista abilitato non può ottenere la cosiddetta dichiarazione di conformità e, di conseguenza, non ha diritto alla garanzia. Ma non solo, non ha diritto alle detrazioni previste per usufruire degli sgravi fiscali riconosciuti alle ristrutturazioni edili, pari al 50 % della spesa effettuata. Per installare un antifurto in modo professionale è necessario inoltre avere un’ottima conoscenza di tutto ciò che riguarda questo settore. Installare un dispositivo senza avere le opportune conoscenze rischia di essere totalmente inutile in quanto un ladro relativamente esperto è in grado di riconoscere e disattivare un antifurto fai da te in un pochissimo tempo.

L’antifurto fai da te è un sicuro risparmio in termini di immediatezza, ma gli aspetti critici da considerare e gli errori che si possono commettere sono molti. Vediamo nello specifico quali: avere un minimo di conoscenza sull’antintrusione; avere un minimo di conoscenza sul bricolage; avere un minimo di conoscenza sugli impianti elettrici; avere un minimo di conoscenza sulla programmazione.

L’occhio esperto di un tecnico evita di trovarsi in situazioni spiacevoli: sirene che si attivano senza motivo o che non si inseriscono nel momento opportuno, frequenti falsi allarmi che inducono il proprietario molte volte a disinserire l’impianto anche quando sarebbe necessario attivarlo. La professionalità, l’esperienza di un tecnico qualificato e serio fanno la differenza. D’altronde parliamo della tua sicurezza e quella dei tuoi familiari, un aspetto da non sottovalutare!