In termini di funzionamento, l’allarme cablato/ibrido e l’allarme senza fili non sono in concorrenza. Entrambi offrono gli

stessi tipi di allarme e reazioni, sono simili (se non uguali) nella programmazione e nell’emissione dei segnali e ad entrambi possono essere collegati i comuni rilevatori. L’unico aspetto per cui si differenziano è l’installazione: mentre gli impianti antifurto senza fili possono essere installati senza problemi negli edifici esistenti, integrandoli in un secondo momento, i sistemi di allarme cablati/ibridi sono adatti per le nuove costruzioni e le ristrutturazioni in cui la posa dei cavi nelle pareti può essere pianificata sotto intonaco sin dalla fase di costruzione.

Gli impianti antifurto cablati/ibridi sono adatti per edifici di dimensioni da medie a grandi quali immobili commerciali, capannoni industriali e palazzine di uffici. In ambito commerciale si tende il più delle volte ad optare per l’allarme cablato, perché generalmente è più semplice da installare e consente di coprire distanze maggiori.Gli impianti di allarme cablati/ibridi hanno più senso in ambito privato, quando la casa è in costruzione o in ristrutturazione.

Gli impianti antifurto senza fili sono adatti per case private e appartamenti di qualunque metratura e per immobili ad uso commerciale di dimensioni medio-piccole. Sono la scelta migliore in caso di ristrutturazione e possono essere installati rapidamente sul posto da un tecnico specializzato.